Pathosformel "La timidezza delle ossa"
Video integrale
/ 25' / 24.07.2014


di/by: Daniel Blanga Gubbay, Francesca Bucciero, Paola Villani
e con la collaborazione di/and with the collaboration of: Milo Adami
produzione/production: pathosformel / Fies Factory One
in collaborazione con/in collaboration with: Sezione Autonoma – Teatro Comandini. Cesena
Segnalazione speciale – Premio Scenario 2007/ Special Mention – Premio Scenario 2007
Premio UBU 2008/UBU Prize 2008

pathosformel fa parte del progetto Fies Factory/pathosformel is part of the Fies Factory project

Sulla superficie bianca riaffiorano quelli che sembrano essere resti umani o reperti di una civiltà sepolta: frammenti che si affermano in rilievo, che sembrano sbocciare da questa materia lattea per generare un bassorilievo in continuo movimento. Setto nasale, femore, nocche e scapole sono scomposti ed esposti attraverso un’epidermide talmente sottile da non riuscire più a celare nulla: sono apparizioni che privilegiano gli spigoli delle ossa e comprimono la forma della carne, modificando la percezione del corpo fino a creare una sorta di danza radiografica. Del corpo umano rimane così la sola struttura portante e spariscono fisionomia, tratti distintivi e carne.
E ogni volta che il corpo si distacca, i rilievi vengono nuovamente inghiottiti dall’indifferente omogeneità del telo, come dettagli di un ricordo che si va lentamente perdendo; i frammenti divengono i caratteri di una nuova forma di scrittura che non può lasciare traccia o testimonianza.

http://www.christianferlaino.com/Pathosformel


up