Tasti disattivati: torna in drodesera.it per visionare queste risorse.









Constanza Macras/Dorky Park: Scratch Neukolin

Ideazione, Coreografia, Video: Constanza Macras.
Drammaturgia: Carmen Mehnert.
Di e con: Hassan, Maradona & Kater Akkouch, Assem, Ahmad, Fatma & Muhammed El-Moustapha, Jonas Kilian, Mayk Marinkovic, Sandra Mlodzianowski, Lisa Rennebaum Diane Busuttil, Jill Emerson, Jared Gradinger, Stéphane Lalloz, Maike Möller, Angela Schubot (Yeri Anarika Vargas Sanchez), Ivan Stevanovic.
Scene: Patrice Wisniewski, con: Anton Lukas, Tal Shacham.
Musica: Claus Erbskorn, Arik Hayut.
Costumi: Anna-Rosa Hiort-Lorenzen.
Luci: Jörg Bittner.
Collaborazione al video: Tal Shacham.
Direttore di produzione: Philipp Schmidt.
Assistente alla regia: Nadine Stich.
Assistente alla scenografia: Arved Lindau, Florian Bölke-Miller, Matthias Drieschner.
Attrezzista: Julia Weis.
Montaggio video: Lisa Böffgen.
Assistente alla produzione: Tobias Fischer.
Documentazione: Daniel Lang, Kirsten Weingarten.
Organizzazione: Aurel Thurn.
Si ringraziano: die Familien Akkouch, El-Moustapha, Kilian, Marinkovic, Mlodzianowski & Rennebaum für Einwilligung, Mitarbeit, Unterstützung & Geduld, Grünflächenamt Mitte, Herrn Jaster/Zürich Grundschule, Sasha, Hannah Hurtzig, Sarah Hamming, Frank Meißner, Andreas Speichert, Norbert Kleemann/Traumfabrik & Aurel Thurn & Paul Mit freundlicher Unterstützung durch den Freundeskreis des Hebbel-Theaters und die Freudenberg Stiftung.

Domenica 1 agosto > Centrale Idroelettrica di Fies > Sala Turbina 1 > ore 21.00.
Durata 90 minuti > Ingresso euro 10,00.

Constanza Macras/Dorky Park improvvisazione: intervento speciale per drodesera > centrale fies, sabato 31 luglio alle ore 22.30 negli spazi della Centrale idroelettrica di Fies (Galleria Trasformatori). Durata 15 minuti. Ingresso gratuito.

Note: Erroll Morris intervista un uomo che andava alla scuola superiore, nella classe più difficile, un genio suburbano tutto brufoli e torace incassato. Il suo test di quoziente intellettivo di.1 percentile, ma quando termina la scuola voleva solo una cosa, ed era quella di rifarla. Entra furtivamente nella scuola, ruba il suo dossier, cambia nome e votazione, cambiandola da A a B. Fa questo così da poter tornare alla scuola superiore e questa volta farla meglio, diventare il fico della scuola e non il ragazzo intelligente. Entra in una nuova scuola, ripete il suo ultimo anno, si diploma un’altra volta, e ricomincia in una nuova scuola con un nome diverso. Frequenta le superiori fino a 27 anni, rasandosi tre volte al giorno per apparire giovane. Vive questo come un viaggio dove il solo paesaggio visibile è il suo ego (Costanza Macral)

“Scratch Neukolln”, il nuovo progetto di Costanza Macras, assimila questa esperienza nell’esplorazione delle difficoltà della crescita, una performance sulla discriminazione e il desiderio di inserimento, sui sogni e sui piccoli tentativi per scappare dalla vita di tutti i giorni.

2003 e globalizzazione sono entrambe la malattia e la cura. Un gruppo di persone – alcune più giovani altre più vecchie - convergono in Neukolln. Sono là per cominciare di nuovo, ricominciare da zero. Sono là per scappare e cancellare il passato. Nessuno sa chi era, da dove veniva e a quale lingua appartenesse. Neukolln è già pieno di queste persone.

Questo nuovo gruppo non sa che loro hanno tutti la stessa agenda, gli stessi scopi. Partiranno da dove sono già partiti una volta, così come una classe. Da un nuovo linguaggio vengono nuove storie e dalle storie, la storia comincia di nuovo.

In cortile ci sono dei bambini, sono di Neukolln. Probabilmente sono nati là, o nelle vicinanze. Questi bambini sono nella stessa classe come un gruppo, e non è chiaro chi insegna e cosa. Portano linguaggi sul tavolo, portano CD copiati da copie di CD, portano movimenti di danza che hanno viaggiato da una strada all’altra, trasmessi dal satellite SAT1. Queste copie di copie diventano altre copie. Ad un certo punto dovrebbe essere sempre chiaro cosa proviene da cosa o in quale direzione.

Il progetto si chiama “Scratch Neukolln” come carta bianca, come disco vergine, come ricominciare da zero. Come una vecchia smania, liberata

Constanza Macras: Costanza Macras è nata a Buenos Aires, Argentina, dove ha studiato danza e stilista di moda, espandendo il suo lavoro e la danza con vari gruppi. Segue la formazione di danza a New York al Merce Cunningham Studio e Movement Research, si perfeziona poi ad Amsterdam con Glen Eddy, Ivan Kranmar, Amanda Miller e altri. Ad Amsterdam presenta anche il suo lavoro al Dans Werkplaats (Entertainment inc., 1995) e crea performance per clubs. Nel 1995 Macras si sposta a Berlino, danzando per diverse compagnie e nel 1997 fonda la sua compagnia “Tamagotchi Y2K” (originariamente “Lonely Tamagotchi”)
Tra il 1998 e il 2000 Tamagotchi Y2K presenta quattro performance “Wild Switzerland” (1998) “Face One” (1999), “In Between” (2000) e “Dolce Vita 2000” i quali vengono presentati in vari teatri di Berlino e in Europa. Dal 2001 al 2002 Macras (in collaborazione con Theater am Halleschen Ufer, Sophiensaele e il festival “Tanz im August) presenta il progetto trilogia “MIR: A Love Story” (“Prologue”, “The Conquer” e “Endurance”) che da allora è stato presentato al The Place Theatre a Londra. Il suo lavoro “PORNOsotros” (2002), coproduzione di Tamagotchi Y2K, Grand Theatre Groningen, Schaubuene am Lehiner Platz e “TanzNacht Berlin 2002”, è stato presentato al Schaubuene am Lehiner Platz .
Nel 2003 Macras fonda “Dorky Park” il quale ha realizzato due sostanziali progetti a Berlino. Nell’estate 2003 il progetto di Dorky Park “Back to the Present” è stato integrato in un grande magazzino fatiscente di inizio del 20° secolo nel centro di Berlino. Della durata di quasi 4 ore Back to the Present è stato presentato al pubblico in questo edificio includendo due bar e una sala da te. Dopo questa esperienza Macras è stata invitata come coreografa ospite al Saarlaendisches Staatstheater. Lavorando con la compagnia, presenta nel novembre 2003 al Saarbrucken “Happiness”.
L’ultimo progetto di Macras e Dorky Park è “Scratch Neukoelln”. È questa la prima produzione del teatro di nuova fondazione HAU theater, “Scratch Neukoelln” integra la compagnia con dieci ragazzi essenzialmente provenienti da famiglie recentemente immigrate che vivono nel Neukoelln. Il lavoro ha debuttato al Hau Eins nel dicembre 2003.

Attualmente Macras lavora con Dorky Park alla realizzazione di Back to the Present nella sua versione di scena che prevede la prima al Schaubuehne Berlin nel febbraio 2004. Prosegue il suo lavoro con i maggiori teatri di Berlino incluso il Wolcksbuehne, Sophiensaele, HAU theaters e Schaubuene am Lehiner Platz.

Sito ufficiale: http://www.dorkypark.org/


Area Online Festival

Constanza Macras: Intervista a Constanza Macras, coreografa dei Dorky Park (2 agosto 2004)
Entra
Constanza Macras/Dorky Park: Scratch Neukolin. Video dello spettacolo (domenica 1 agosto).
Formato Quick Time, Formato Windows Media Player: 56K - ISDN - broadband
Constanza Macras/Dorky Park: Scratch Neukolin. Immagini dello spettacolo (domenica 1 agosto).
Entra
Constanza Macras/Dorky Park: Scratch Neukolin. Immagini delle prove (domenica 1 agosto).
Entra
Constanza Macras foto: improvvisazione. Spettacolo nella Galleria Trasformatori (Sabato 31 agosto).
Entra
Constanza Macras: Dorky Park, video: improvvisazione. Spettacolo nella Galleria Trasformatori (Sabato 31 agosto).
Formato Quick Time, Formato Windows Media Player: 56K - ISDN - broadband

Presentazione Online Festival I Indice contenuti Online Festival