Programma > scheda

Compagnia Sud Costa Occidentale "mPALERMU"
Mercoledì 30 luglio, Centrale Idroelettrica di Fies, Dro (Tn), ore 23.00. Durata: 60 minuti. Ingresso euro 10.00.

Informazioni utili e prenotazione
<<< Torna al programma

Premio Scenario 2001, Premio Ubu 2002 (migliore novità italiana)
Con: Monica Angrisani, Gaetano Bruno, Sabino Civilleri, Tania Garribba, Manuela Lo Sicco.
Direzione Tecnica: Cristian Zucaro.
Regia: Emma Dante.

Online Festival 2003: immagini e video dello spettacolo.

Vi sono momenti in cui la verità si rivela interamente ai nostri occhi, senza che abbiamo fatto un gesto, un passo, spostato un ciglio. Vidi quel mare illuminato adesso da un sole d’inverno, mare azzurro e remoto fra rare e immobili imbarcazioni; vidi, come se non in quella carrozza io mi fossi trovata, ma in un altro posto, nell’aria- vidi quello che era nei loro occhi; ora che la nave posava vuota nel porto, e lontana, quasi disperante, appariva l’ora di un nuovo viaggio- il rammarico sordo di aver già consumato quasi tutta l’esistenza, svolto il gomitolo fino all’ultimo pezzo di filo.
A.M. ORTESE

Palermo. Se avesse un corpo lo userebbe per schivare. Che cosa? Tutto.
Per non essere colpita, identificata. Il paradosso di un luogo che ha profumi, sapori, colori inconfondibili, ma sfugge a qualsiasi definizione. Ha voci lontane che provengono da strade dentro vicoli neri, canti, rumori, storie gridate da facce perdute, vacanti, facce sorprendenti di chi sorprendere non vorrebbe mai, ma il suo emblema, lo stemma sullo scudo è il silenzio.
Di questo silenzio parliamo, di questa immobilità, da una distanza ravvicinata, familiare, aspettiamo che il silenzio omertoso si trasformi in una qualità, in un elemento distintivo del carattere di ognuno. Di interni e di esterni divisi da una soglia che è impossibile varcare. Di gesti che si formano perfettamente dentro la testa, ma non riescono a passare nei muscoli, nel sangue, come figli eternamente nutriti da madri sempre gravide e mai partoriti.
A Palermo non si compiono azioni, si mettono in scena cerimonie, non si fanno discorsi, si opera retoricamente citando ammiccando alludendo… è la città dello spreco e del superfluo, della decorazione magnifica messa come corona allo sfacelo.
Questo teatro dell’impossibile, che fa di Palermo una sorta di rappresentazione simbolica dell’anima del mondo, incessantemente indaffarata e incessantemente morente, è la nostra commedia.
Cinque attori sul palcoscenico. Cinque parenti congiunti, ubbidienti a questa legge loro impressa. Una famiglia. Un compito: agire. Varcare la soglia, mettere un piede dopo l’altro e andare. Fuori. Per strada. Andare. Per farsi guardare interi. Per dimenticare l’urto, la rottura di ombre irregolari appiccicate alle pareti. Imbottire la propria anima perché non voli via non appena la porta si spalanca. Inventare bugie per fottere il sentimento di insensatezza che ci coglie di fronte a ogni gesto.
Cinque attori che sono una famiglia e noi che li guardiamo.

Presentazione compagnia