Programma > scheda

Davide Enia "Italia - Brasile 3 a 2"
Giovedì 31 luglio, Centrale Idroelettrica di Fies, Dro (Tn), ore 23.00. Durata 90’. Ingresso euro 10,00.

Informazioni utili e prenotazioni
<<< Torna al programma

di e con Davide Enia.
Musiche in scena di Settimo Serradifalco - Salvatore Compagno.

Online Festival 2003: immagini, video e intervista
Giovedì 31, le immagini dello spettacolo in diretta web cam.

… e al novantesimo minuto Eder sta per calciare un tiro d’angolo per il Brasile. Il giocatore brasiliano dispone il pallone, poi sposta i cartelloni pubblicitari per prendere ‘na rincorsa cchiù potente, corre e colpisce la palla di esterno sinistro, parabola a rientrare, si crea un mischia all’altezza del dischetto del rigore, montagna di carne umana che salta tutta ‘nsemula, e Dino Zoff l’azzurro portiere nota con disappunto che ad acchianàre cchiù in alto di tutti è u difensore du Brasili di nome Oscar, ed è proprio ìddu che colpisce u palluni di tìesta, ed è una sassata violenta ‘sta capocciata brasiliana, un tirazzo potente e secco che si dirige verso il palo lontano, laddove lui: Dino Zoff, età 40, non ci può arrivare manco pi niente …

Davide Enia è nato a Palermo il 2 aprile 1974. Ala sinistra ambidestra, si forma calcisticamente -secondo i puri dettami della scuola meridionale- nelle partite ‘nmezz’a stràta. Ddùoco s’insìgna l’importanza d’u controllo d’u pallùni, in cui sviluppa una maestria tale che viene ribattezzato a furor di popolo «‘u Vito Chimenti» d’u quartiere Malaspina Palagonia. Un màlo fallo ai legamenti crociati d’u ginocchio sinistro ci provoca un infortunio ca ci stronca accussì la carriera da professionista. Cu ebbe la fortuna di taliàrlo mentre giocava a ‘u Garden Senter si ricorda ancora oggi un golle che ficcò all’incrocio dei pali con un tiro di destro al volo dalla linea d’u fallo laterale. Tifoso d’u grande Palermo (orgogliosamente ammette che ci ha ‘u sangue rosanero), ‘u si può incontrare allo stadio “Favorita” nna Curva Sud, pronto a farsi ‘u fegato marcio perché gli arbitri ce l’hanno sempre con la sua squadra del cuore. Ha avuto una illogica ma intensissima passione per Felice Centofanti, ala rosanero nell’annata 1991\92. E’ fermamente convinto che il più grande di sempre sia stato Diego Armando Maradona.