Presentazione

Drodesera > Centrale Fies
Comunicato Stampa > 10 luglio 2003

<<< Presentazione di Emilio Guariglia

Quest’anno Drodesera arrivato alla sua ventitreesima edizione, grazie alla disponibilità dell’Enel di Trento, abiterà in via definitiva gli spazi interni ed esterni della Centrale Idroelettrica di Fies: la sua architettura industriale in stile fiabesco, il ponte, le sale delle turbine e il parco, ospiteranno danza e teatro in grado di oltrepassare confini invisibili e labilità sperimentali, spettacoli dalla forza spesso sfacciata e poetica.
Momento di incontro e confronto fra le realtà più significative a livello nazionale, Drodesera contribuisce a rinnovare tempi e modi del teatro proponendo quest’anno come anteprima un riflettore puntato sull’opera della compagnia di Virgilio Sieni, una One week che dal 25 al 28 luglio porterà in scena gli ultimi lavori del coreografo toscano (yes yes yes cappux red, venerdì 25 luglio, Messaggero Muto, sabato 26 luglio, Il Funambolo,domenica 27 luglio, Empty Space, lunedì 28 luglio), dando spazio al suo percorso artistico attraverso installazioni, video ed incontri.
Particolare è l’attenzione data alle compagnie delle quali saranno presentati due spettacoli: non un consumo veloce dei lavori teatrali quindi, ma un breve percorso, una possibilità data al nostro pubblico di capire l’abilità dei gruppi di lavorare su progetti completamente diversi, a volte opposti, o di vedere l’evoluzione di una modalità di lavoro che sviluppano linee già sondate ma sempre più in profondità creando nuovi scenari.
A produrre le nuove energie della centrale arriveranno i caldi venti del sud con la compagnia Sud costa Occidentale (mPalermu, mercoledì 30 luglio, e Carnezzeria, giovedì 31 luglio) e Davide Enia (Italia Brasile 3 a 2, giovedì 31 luglio, Schegge, venerdì 1 agosto), i riti teatrali del Lemming (Edipo, da domenica 27 luglio a venerdì 1 agosto, Inferno I e II parte, domenica 3 agosto), i finalisti di Premio Scenario, martedì 29 luglio, e poi ancora i “decadenti saltimbanchi” del teatro Valdoca (Imparare è anche bruciare, sabato 2 agosto), il linguaggio poetico e tagliente dei Motus (Splendid’s, domenica 27 e lunedì 28 luglio, Twin Rooms, mercoledì 30 luglio) che continuano a lavorare sul loro progetto “Rooms” intrecciando cliché cinematografici del noir e di un certo cinema sperimentale. Le appassionate e liriche cene delle Ariette (Teatro di terra, sabato 2 e domenica 3 agosto) e l’architettura delle danze italiane guidate da Gerardo Lamattina (Extensioni – danzare lo spazio, venerdì 1 e sabato 2 agosto ) per un progetto legato alla rete “città che danzano”.
Anche quest’anno sarà presente il progetto delle Energie a domicilio dal 29 luglio al 3 agosto, dove gli artisti ospiti di Drodesera incontreranno il pubblico durante brevi performance in alcune case del paese aperte per l’occasione dai suoi abitanti per un happy hour.
E ancora le piazze di Dro si lasceranno abitare da spettacoli per bambini, il circo colorato pieno di luci costruito da due streghe della Compagnia Teatro per caso (Stregapagliacciostrega, venerdì 1 agosto), le acrobatiche scene e la musica dei francesi della Compagnie de la Caravane jaune (Cabaret Musicale sabato 2 agosto), il racconto danzato del TPO sulla crescita e sul sogno di essere apprezzati per ciò che si è, (il brutto anatroccolo, mercoledì 30 e giovedì 31 luglio), un Cappuccetto Rosso speciale della compagnia Ca’ Luogo d’Arte (martedì 29 luglio) e le brevi e intense performance del Moby Dick del Teatro d’Artificio (lunedì 28 e martedì 29).
E sarà all’imbrunire che il parco della centrale accenderà le sue prime luci a illuminare gli eventi tra montagne, fiume e alberi con un ritrovarsi sempre diverso. Ogni concerto una nuova atmosfera, ogni sera differenti modi di fare, vivere e ascoltare la musica, note che trasformeranno ogni angolo e minimo spazio del parco della centrale, con la magia delle melodie capaci di cambiare l’aria che si respira: Vasco Mirandola e Giorgio Pavan, martedì 29 luglio, Rosso Malpelo, mercoledì 30 luglio, Nuova Agricola Associazione, giovedì 31 luglio, Radicanto, venerdì 1 agosto, Tabulè, sabato 2 agosto e Gli Aidoru accompagnati dalla poesia di Mariangela Gualtieri con il concerto Non – Splendore Rock, domenica 3 agosto.
Già da due anni Crushsite si occupa del progetto ONLINE FESTIVAL, che quest’anno, dal 24 luglio al 4 agosto ha in programma dieci dirette webcam dal palcoscenico della Centrale di Fies, un reportage on-line con interviste, video streaming e gallerie fotografiche di backstage e spettacoli che daranno modo di interagire con gli spazi reali, di fornire nuovi punti di visione, distendendosi nel tempo lasciando una traccia nella memoria.